Cuccioli al bagno

Cuccioli al bagno

Anche per i nostri amici a quattro zampe arriva il momento del bagno, soprattutto quando iniziamo a portarli fuori più spesso con l'arrivo della bella stagione. E anche se qualcuno sembra apprezzarlo, per molti è un momento abbastanza impegnativo, specialmente per il padrone. Ecco qualche consiglio per non commettere errori e viverlo con tranquillità.

Se è praticamente impossibile trattenerli di fronte alle invitanti acque del mare o di un lago di montagna, ben diverso è l’atteggiamento dei nostri amici a quattro zampe quando si tratta di lasciarsi fare il bagno nella vasca di casa. Ma l’igiene è fondamentale e questo vale anche per i cani, a maggior ragione in questo periodo in cui siamo costretti a disinfettare spesa, abiti e scarpe prima di entrare a casa. Questo, però, non significa che il cane vada lavato troppo spesso: un eccesso di detersione potrebbe provocargli problemi cutanei.

Ogni quanto va fatto il bagnetto al cane? Difficile dare una risposta valida per tutti, perché questa dipende da diversi fattori, in primis dalle abitudini di vita (il cane vive in appartamento oppure ha accesso illimitato a un giardino?), dalla lunghezza del pelo e anche da come è stato abituato se, per esempio, è entrato nella nostra famiglia quando era già grande. Il veterinario, in ogni caso, potrà dare delle giuste indicazioni in base alle esigenze dell’animale e della famiglia.

Quando sì e quando no

Il cane non andrebbe lavato quando il contatto con l’acqua potrebbe dare problemi, cioè, per esempio, dopo le vaccinazioni (meglio attendere qualche giorno), quando fa particolarmente freddo o se lo vediamo indisposto. Rimandare il contatto con l’acqua è saggio anche subito dopo i trattamenti antiparassitari, per evitare di lavarli, letteralmente, via. Meglio anche scegliere un orario lontano dai pasti per non provocargli problemi digestivi.

E da quando si può cominciare a fare il bagnetto? Anche in questo caso non c’è una regola fissa ed è sempre meglio chiedere consiglio allo specialista. L’unica cosa certa è che, per evitare problemi futuri, è sempre bene abituarlo fin da piccolo, in modo che prenda confidenza con questa abitudine e la viva il più serenamente possibile.

Alcuni consigli utili

Se si decide di fare il bagnetto in casa e di non rivolgersi, quindi, a un centro specializzato, è bene armarsi di tanta pazienza, ma anche degli strumenti giusti. Prima di tutto bisognerebbe cercare di allestire la stanza da bagno senza che Fido se ne accorga, per evitare che si agiti inutilmente. L’atmosfera, è, infatti, molto importante: cercare di vivere questo momento con tranquillità permetterà di avere un clima più rilassato e anche il cane percepirà meno la tensione. Si comincia facendolo entrare nella vasca con poca acqua e si parte bagnandogli il dorso. Utilizzare solo detergenti specifici, facendo attenzione a non far entrare il prodotto in bocca, occhi e orecchie. Lavare con acqua tiepida e, se si utilizza il doccino, non dirigere il getto direttamente sul muso e sulla zona dei genitali. Prolungare risciacquo finché tutta la schiuma sarà andata via, perché il ristagno del detergente potrebbe provocare irritazioni cutanee. Dopo il bagno, non meno importante è la fase di asciugatura, sia con un asciugamano sia con il phon per asciugare il pelo, ma attenzione che l’apparecchio non sia troppo caldo e troppo vicino. Le orecchie andranno asciugate con del cotone. Infine, una bella spazzolata del pelo lo rimetterà a nuovo.