Al mare con Fido: le spiagge “pet friendly”

Permettono di risolvere la questione di dove lasciare il proprio cane e di portarlo al mare con sé. Le spiagge per cani e padroni stanno arrivando anche in Italia.

“Dove lasciamo il cane quando andiamo in vacanza?” La risposta può essere semplice: lo portiamo con noi! È una decisione sempre più praticabile grazie alle spiagge nate a misura di cane. Ancora poche rispetto al totale, ma c’è una tendenza in atto e questo significa che il loro numero è destinato ad aumentare, anche perché la richiesta è in crescita. Sempre più amanti dei cani, infatti, preferiscono portare il proprio animale con sé, invece che lasciarlo in pensioni, canili oppure da amici o parenti, e condividere il periodo di vacanza con il proprio inseparabile animale. Regina delle spiagge pensate per gli amici a quattro zampe è, facile intuirlo, la Riviera adriatica, ma lentamente ne stanno sorgendo in tutta la penisola.

Ma cosa offre di preciso una spiaggia per friendly? Prima di tutto occorre distinguere tra stabilimenti balneari che accettano anche l’ingresso dei cani, e che quindi non differiscono più di tanto dai normali stabilimenti, da quelli che hanno creato spazi e attrezzature a misura delle loro esigenze: ciotola per l’acqua, zone ombreggiate, docce apposta per loro, materassini per accucciarsi accanto ai lettini dei padroni e aree recintate dove possono anche sgranchirsi le zampe. E, ancora, dog sitter per lasciare liberi i padroni per qualche ora, veterinario a disposizione in caso di emergenza, perfino addestratori per far seguire ai cani dei veri e propri corsi. In qualche caso, le strutture accolgono anche i gatti, anche se forse è il caso di domandarsi quanto portare un gatto in spiaggia sia davvero nell’interesse dell’animale. Gli elenchi di spiagge e stabilimenti, regione per regione, sono facilmente reperibili su internet.